Skip to content

Il blog delle stelle – Domani si vota il candidato premier del MoVimento 5 Stelle

Sorgente: Il blog delle stelle – Domani si vota il candidato premier del MoVimento 5 Stelle

Annunci

PoliticaPrima: LUIGI DI MAIO NON VA BENE. È DEL M5S

di-maio-luigi-di-battista-alessandro

Un clamore mediatico assurdo per una candidatura attesa, costruita quotidianamente e mai avversata. Anche se i cosiddetti “nemici della contentezza”, quelli che pur di fare un torto alla moglie si tagliano i coglioni, si trovano proprio tra gli attivisti più vicini e ortodossi. E nonostante le interessate dietrologie sugli scontenti capeggiati ora da questo o quel parlamentare, che troverebbero conferma nell’assenza di altre candidature di peso a contrastarne la vittoria.

Sorgente: PoliticaPrima: LUIGI DI MAIO NON VA BENE. È DEL M5S

Calabria, sequestrati 75mila euro a presidente del coordinamento antimafia: ‘Malversazione e appropriazione indebita’ – Il Fatto Quotidiano

Sequestro all’antimafia con la partita iva. La procura di Reggio Calabria, diretta da Federico Cafiero De Raho, ha disposto un sequestro preventivo di 75 mila euro nei confronti di Adriana Musella, presidente del Coordinamento nazionale antimafia Riferimenti. Malversazione e appropriazione indebita sono i reati contestati dalla guardia di finanza a quella che veniva considerata una […]

Sorgente: Calabria, sequestrati 75mila euro a presidente del coordinamento antimafia: ‘Malversazione e appropriazione indebita’ – Il Fatto Quotidiano

Catalogna, blitz spagnolo sul governo indipendentista: 12 arresti. Barcellona scende in piazza: “Scandalo democratico” – Il Fatto Quotidiano

Lo scontro tra Madrid e Barcellona sale di livello a dieci giorni dalla data prevista per il referendum sull’indipendenza catalana, che è stato peraltro sospeso dalla Corte costituzionale spagnola. Mercoledì mattina la Guardia Civil spagnola ha arrestato nelle sedi del governo catalano 12 persone legate all’organizzazione del voto tra cui Josep Maria Jové, segretario dell’Economia e […]

Sorgente: Catalogna, blitz spagnolo sul governo indipendentista: 12 arresti. Barcellona scende in piazza: “Scandalo democratico” – Il Fatto Quotidiano

Terremoto Messico, protezione civile: “217 morti”. Colpita la Capitale: “Crolla una scuola, bimbi sotto macerie” – Il Fatto Quotidiano

Ancora un terremoto in Messico. Il 19 settembre intorno alle 13 locali la terra è tornata a tremare con violenza, con una magnitudo pari a 7 gradi Richter, causando almeno 217 morti. In un tweet il capo della protezione civile Luis Felipe Puente ha comunicato che sono 86 le vittime solo a Città del Messico, dove sono crollati circa […]

Sorgente: Terremoto Messico, protezione civile: “217 morti”. Colpita la Capitale: “Crolla una scuola, bimbi sotto macerie” – Il Fatto Quotidiano

Dal libro del profeta Matteo – Il Fatto Quotidiano

Se non ci fosse di mezzo il Bomba, che ci ha abituati alla cialtronaggine, bisognerebbe chiamare la neurodeliri. Dopo avere strillato per mesi al piano eversivo mediatico-giudiziario su Consip per far cadere il suo governo (che peraltro era già caduto da solo), il Bomba arrota la boccuccia a culo di gallina e dice: “Io non amo il vittimismo. Per questo su Consip non ho mai pronunciato parole quali golpe o complotto. Ho sempre detto pieno rispetto delle istituzioni, sempre”. Dunque avrà fatto un cazziatone a se stesso per aver dichiarato venerdì “Lo scandalo Consip è nato per colpire me e credo che colpirà chi ha falsificato le prove per colpire il premier” e “Io lo so bene chi è il mandante. Ma voglio che siano le istituzioni a fare chiarezza”. Poi avrà fatto uno shampoo al capogruppo Zanda, al supporter Fassino e all’alleato Nencini che – in perfetta coordinazione – dicevano “complotto”; al presidente Orfini che vaneggiava di “Watargate”, “eversione” e “attacco alla democrazia”; ad Andrea Romano e a Mario Lavia, direttore e vicedirettore del suo giornale online Democratica che titolava stentoreo “Il complotto”.

Ora però non solo il maggiore Scafarto e il colonnello Ultimo negano di aver detto alla pm modenese Lucia Musti le frasi che, secondo i giornaloni, lei ha loro attribuito dinanzi al Csm. Ma pure la Musti smentisce di aver attribuito loro quelle frasi: purtroppo lo fa 72 ore dopo la fuga di notizie; l’avesse fatto subito, ci saremmo risparmiati tre giorni di falso complotto. Ma, di complotti veri nel caso Consip ce ne sono almeno due. Quello delle talpe istituzionali che avvertirono papà Tiziano nell’estate 2016 e l’ad Marroni nel dicembre 2016 sulle indagini e le intercettazioni in corso, rovinandole sul più bello e bloccando chi voleva pagare e intascare mazzette a un passo dalla galera. E quello attivato dal Csm e da pezzi di magistratura per screditare il pm Woodcock, che non controllò errori e forzature (peraltro ininfluenti) del Noe quando non poteva né doveva farlo, perché il caso era già passato a Roma. Del primo complotto, secondo il fido Vannoni, Renzi era al corrente (“Matteo mi disse di stare attento a Consip”). E pure del secondo, a giudicare dalle sue molte, troppe profezie degli ultimi mesi e soprattutto dal libro “Avanti”: “Il dr. Woodcock mi intercetta (falso: l’intercettato era il gen. Adinolfi, indagato e poi archiviato in Cpl Concordia, ndr). Apprenderò dell’intercettazione mentre sono presidente del Consiglio, grazie a uno scoop del Fatto firmato da Marco Lillo. Segnatevi mentalmente questo passaggio: Procura di Napoli, un certo procuratore, il Noe, il Fatto, un certo giornalista”.

Poi aggiungeva: “Siamo nel 2014, non nel 2017. Che poi i protagonisti siano gli stessi anche tre anni dopo (quando Lillo pubblica la telefonata fra i due Renzi, ndr) è ovviamente una coincidenza…”. Il libro esce il 12 luglio. Il 17 la Musti viene convocata dalla I commissione del Csm che vuole trasferire Woodcock, presieduta da Giuseppe Fanfani, ex sindaco Pd di Arezzo, amico della Boschi, già avvocato di suo padre: uno che, per conflitto d’interessi, dovrebbe astenersi da ogni pratica sui renziani. Invece conduce l’audizione sul teorema del libro di Renzi (Noe-Woodcock-Lillo-telefonata Renzi/Adinolfi-telefonata Renzi/babbo). E chissà come fa a sapere che la pm ha cose da dire su Ultimo e Scafarto. Il primo, nel 2015, le avrebbe detto che l’inchiesta Cpl Concordia (coop rossa vicina ai dalemiani, non ai renziani) “è una bomba”, premendo per “farla esplodere”. Il secondo, nel 2016, le avrebbe confidato “succederà un casino, arriviamo a Renzi” (su Consip). Fanfani prende le due frasi, pronunciate da due persone diverse, in tempi diversi e su fatti diversi, e le incolla: “De Caprio ha detto ‘ha una bomba in mano’ mentre Scafarto ‘succederà un casino’?”. E lei: “Scoppierà un casino, arriviamo a Renzi”. Il 14 settembre il Csm trasmette il verbale segreto ai pm di Roma e, nel tragitto, qualcuno lo gira a Repubblica, Corriere e Messaggero. Per giunta taroccato.

Infatti, il 15, Repubblica attribuisce a Ultimo & Scafarto quest’unica frase a due bocche: “Dottoressa, lei se vuole ha una bomba in mano. Lei può farla esplodere. Scoppierà un casino. Arriviamo a Renzi”. Il complotto invade siti e social, alimentato dalle dichiarazioni a fotocopia di Renzi & C. Il 16 Repubblica sdoppia la frase: la bomba era la coop Cpl, non il Bomba. Ieri la pm smentisce anche quella versione, senza dire qual è quella giusta. L’unico fatto certo è che l’audizione top secret della Musti (nella versione taroccata), prima di finire illegalmente sui giornaloni, era già nota a Renzi. Che l’11 settembre, a Radio Capital, si era tradito: “Io spero che su quella vicenda venga pubblicato tutto. Vediamo cosa viene fuori nei prossimi mesi e vediamo chi ha fatto pressioni dicendo ‘Abbiamo in mano Renzi’…”. Qualcuno aveva spifferato a Renzi che il Noe faceva pressioni dicendo “Abbiamo in mano Renzi” (o “Arriviamo a Renzi”)? E chi: uno del Csm o lo Spirito Santo? E, a proposito di profezie renziane, c’è pure quella del 12 settembre alla festa dell’Unità di Firenze: “Pubblichino le chattine del Noe, pubblichino quello che c’è da pubblicare e vediamo, poi, se qualcuno ha mentito sul presidente del Consiglio”. A parte il fatto che le chat degli uomini del Noe sono coperte da segreto, e un cotanto cultore della privacy non dovrebbe cedere al voyeurismo giustizialista, cosa ne sa lui dei cellulari del Noe? E come fa a sapere, visto che sono gelosamente custoditi dalla Procura di Roma? Non vorremmo scoprire che il censore delle nostre fughe di notizie riceve molte più fughe di notizie di noi. Anche perché noi, per quelle che lo riguardano, siamo stati perquisiti due volte. E ci sanguinerebbe il cuore se ora toccasse a lui.

Sorgente: Dal libro del profeta Matteo – Il Fatto Quotidiano

CCleaner hackerato, forse anche il vostro. Perché dovete preoccuparvi – Il Fatto Quotidiano

Quando ero bimbo, i “milioni” erano quelli delle stelle di un salumificio che ambientava in atmosfera western il proprio Carosello, il cui ritornello musicale faceva cantare in maniera ipnotica un ormai immortale “le stelle sono tante, milioni di milioni”. Oggi questa cifra è invece il refrain che accompagna le notizie di cronaca in tema di […]

Sorgente: CCleaner hackerato, forse anche il vostro. Perché dovete preoccuparvi – Il Fatto Quotidiano

Consip, Scafarto: “Mai falsificato prove. “Arriviamo a Renzi”? Frase che proprio non ricordo di aver detto” – Il Fatto Quotidiano

“Creare prove contro un indagato, chiunque egli sia, è un gesto scellerato. In 23 anni di servizio non ho mai falsificato alcuna prova. Nell’informativa ci sono errori? Sicuramente, ma si tratta di errori“. Sono le parole del maggiore Gianpaolo Scafarto, l’ufficiale del Noe indagato dalla procura di Roma per falso nell’ambito dell’inchiesta Consip. Intervistato da […]

Sorgente: Consip, Scafarto: “Mai falsificato prove. “Arriviamo a Renzi”? Frase che proprio non ricordo di aver detto” – Il Fatto Quotidiano

Expo, pg di Milano chiede il processo per il sindaco Sala ma solo per falso: stralciata l’accusa di turbativa d’asta – Il Fatto Quotidiano

Processare il sindaco di Milano ma solo per falso ideologico e materiale. È la richiesta avanzata dalla procura generale del capoluogo lombardo per Giuseppe Sala, ex amministratore delegato di Expo 2015 spa. L’attuale primo cittadino milanese è indagato nell’inchiesta sull’appalto della Piastra dei servizi di Expo. La richiesta di rinvio a giudizio, invece, non comprende l’accusa […]

Sorgente: Expo, pg di Milano chiede il processo per il sindaco Sala ma solo per falso: stralciata l’accusa di turbativa d’asta – Il Fatto Quotidiano

Svizzera, migliaia di banconote da 500 euro nei bagni di una banca di Ginevra: intasate le tubature dell’intero quartiere – Il Fatto Quotidiano

Volevano lavare i soldi che però era davvero troppi e hanno finito per intasare le tubature di un intero quartiere. Potrebbe essere questa l’ironica descrizione – ma per i più spiritosi non è difficile trovare altre battute – di quanto successo a Ginevra, dove valanghe di euro sono venute alle luce nei giorni scorsi. Gettate […]

Sorgente: Svizzera, migliaia di banconote da 500 euro nei bagni di una banca di Ginevra: intasate le tubature dell’intero quartiere – Il Fatto Quotidiano

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: