Che belle gambe – Il Fatto Quotidiano

 

B: “Io ti caccio, parroco democristiano!”. F: “Questo è un partito leninista!”. B: “Sei come Fini, vaffanculo!”. F: “Non sai di cosa parli! Io vi impicco tutti!”. B: “Sei figlio di un vecchio democristiano, vattene e fatti il tuo partito!”. F: “Io resto, ma non ti ho mai leccato il culo come faceva Alfano o come tanti qui continuano a fare!”. B: “Tu non devi permetterti di andare in tv, di farmi il controcanto quotidiano: ci hai fatto perdere il 3-4%!”. F: “Ah, per colpa mia perdiamo, non perché ci costringi a fare le dame di compagnia di Renzi!”.

Il simpatico siparietto andò in scena il 1° ottobre 2014 all’ufficio di presidenza di FI. B. era Silvio Berlusconi, in piena luna di miele nazarena con Renzi. F. era Raffaele Fitto, nemico giurato dell’inciucio e fautore delle primarie per disarcionare il Caimano (che solo due anni prima magnificava come “l’Uomo fa tornare la pioggia a Bari”, mica come quelli che gli leccavano il culo). Si sfiorò lo scontro fisico quando il dito puntato di B. colpì il naso di F.. Al che Brunetta, sconvolto, scoppiò in lacrime. E Verdini, per placare gli animi, minacciò il fittiano Capezzone: “Vi impicco tutti a un albero!”.

Ora, a parte Verdini ancora in lista d’attesa nell’anticamera del suo Matteo, siamo lieti di annunciare le prossime nozze di B. e F.: è tutto perdonato e Brunetta non piange più. Quel pacioccone di Fitto torna fra le braccia di Silvio, nella sua qualità di animatore della “quarta gamba” del centrodestra: “Noi con l’Italia”. La notizia non può che entusiasmare i 20 milioni di astenuti che tutti i partiti si propongono di recuperare alle urne: infatti il 4 marzo potremo scegliere fra un centinaio di sigle, ammucchiate nei due blocchi di centrodestra e centrosinistra (solo posti in piedi) o in ordine sparso. Come se, aumentando i simboli, crescessero i voti e diminuissero i non-voti: nel qual caso tanto varrebbe presentare un vasto assortimento di 47 milioni di loghi, uno per elettore.

Tutto attorno al Pd fioriscono nell’ordine: la presunta peonia (o begonia, o petunia, boh) di “Lorenzin Civica Popolare”, che ingloba a sua volta cinque miniature (Italia dei Valori, Centristi per l’Europa, Unione, L’Italia è popolare, Alternativa Popolare); “+Europa con Emma Bonino-Centro Democratico” (cioè Tabacci: più che una lista, un ossimoro); “Insieme Italia Europa” con dentro altri tre simboli (Partito Socialista Italiano, Verdi e Area Civica). In tutto 12 simboli. Dall’altra parte, si fa per dire, la costellazione del centrodestra: Il Popolo della (non più delle) Libertà-Berlusconi Presidente (incandidabile e ineleggibile), da non confondere con Forza Italia.

Poi la Lega-Salvini Premier, da non confondere con Noi con Salvini; e poi Fratelli d’Italia, Energie per l’Italia, Popolo Idea e Libertà, Italia Unione di Centro, Direzione Italia, I Popolari di Italia Domani, Pensionati. E meno male che Piero Grasso è riuscito a federare in Liberi e Uguali un po’ di sinistre, sennò avremmo ancora Mdp, Sel, SI, Possibile, Campo Progressista. Purtroppo ha lasciato fuori almeno quattro partiti comunisti: Potere al Popolo (che include Rifondazione e si presenta come “lista unitaria”: falla pure dispersiva), Partito Comunista dei Lavoratori, Partito Comunista e basta; Partito Comunista Italiano. Poi ci sono le liste creative, fra cui seguiamo con trepidazione Italia 10 Volte Meglio. Ma anche l’evocativa Viva la Fisica, le imprescindibili Maie – Movimento associativo italiani all’estero e Unital-Unione Tricolore America Latina, l’assertiva Siamo, la raggelante Confederazione Grande Nord, il più rassicurante Mamme nel Mondo, l’enigmistico M.T.N.P.P. Mov. Tec. Naz. Pop. Pace, il cosmopolita Free Flights to Italy e dulcis in fundo l’attualissimo Sacro romano impero liberale cattolico-Movimento europeo liberal-cristiano “Giustizia e libertà”-Giuristi del Sacro romano impero-A tutto campo nel tempo e nello spazio (da un’idea di Lina Wertmüller).

Ma dicevamo di Fitto. Nella “quarta gamba” di B. non è solo. C’è pure “Fare” dell’ex sindaco leghista di Verona Flavio Tosi e della sua compagna Patrizia Bisinella, che fino a ieri stavano con Renzi e ora tornano a destra last minute: vorremmo tanto vederli chiusi in una stanza con Salvini. Poi c’è l’ottimo Lorenzo Cesa, l’ex pony express delle mazzette del ministro Gianni Prandini (detto Prendini) che, quando fu arrestato (Cesa, non Prandini), verbalizzò: “Ho deciso di svuotare il sacco”. E c’è anche l’ex alfaniano Maurizio Lupi, di cui il centrodestra chiese le dimissioni da ministro dei Trasporti del governo Renzi per lo scandalo del Rolex e del contrattino regalati al figlio da un magnager autostradale, e continuò a sostenere il centrosinistra come capogruppo Ap alla Camera. Un bel frittomisto, peraltro speculare alla “quarta gamba” di Renzi, nascosta fra i petali della presunta peonia made in Lorenzin. Lì convivono felicemente gli alfaniani, fra cui l’ex P2, ex Psi ed ex FI Cicchitto, autore di memorabili libri, saggi e denunce sul “golpe di Mani Pulite”; e i reduci dell’IdV, fondata dal noto golpista Di Pietro, che per giunta promosse il referendum abrogativo della legge Alfano sul legittimo impedimento. “Se vince il centrosinistra – scriveva Cicchitto nel 2006 – il pericolo dell’instaurazione di un regime è molto forte… l’organizzazione del potere politico-economico del centrosinistra avrebbe in un settore della magistratura e in pezzi dei corpi dello Stato il suo braccio armato con un rinnovato uso politico della giustizia… Questo libro è stato scritto anche per descrivere ed esorcizzare questo pericolo”. Ora, per esorcizzarlo meglio, si candida nel centrosinistra, in lista con i dipietristi. Perciò si parla tanto di seconde, terze e quarte gambe: per mancanza di teste.

Sorgente: Che belle gambe – Il Fatto Quotidiano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...